Sovereign Funds: Rich Countries Go Shopping

Sovereign Funds: Rich Countries Go Shopping

Sovereign Funds: Rich Countries Go Shopping 1200 801 AltReturns
Reading Time: 3 minutes

La versione italiana è disponibile al termine di quella in inglese.

ENGLISH VERSION

In the last years sovereign funds closed important deals and the combined value of their holdings reached 5 trillion USD.

It’s easy to believe that regulators are worried about how they can influence global economy.

What is a sovereign fund?

These funds are state-owned and they invest in different asset classes. Nations create these funds for several reasons. For example, oil producers protect their money by diversifying in other sectors. Other countries simply seek to generate profits for the good of their citizens.

History of sovereign funds

The first sovereign fund has been founded by Kuwait in 1950. Its objective was to invest the revenues generated by the oil sector.

Currently, the most important funds are:

  • Abu Dhabi’s Investment Authority (1976)
  • Singapore’s Government Investment Corporation (1981)
  • Norway’s Government Pension Fund (1990)

Commodity vs. Non Commodity funds

Sovereign funds can be “commodity” or “non-commodity”. The difference is related to the source of the cash they are entitled to invest.

In the case of commodity funds, the cash is originated by the export of commodities such as oil or metals. These funds grew a lot in the last years and their total holdings are 2.5 USD trillion.

On the other hand, non-commodity funds generate their cash from current account surplus. The sum of their holdings is around 2 USD trillion.

What Do Sovereign Wealth Funds Invest In?

Generally, sovereign funds are long term investors and they don’t disclose easily their holdings. Usually, they invest in:

  • Government bonds
  • stocks
  • Foreign Direct Investments
  • Alternative investments such as hedge funds or private equity. For example, ADIA (Abu Dhabi Investment Authority) invests from 2% to 8% into Private Equity, Sjunde AP-fonden (AP7) is one of five funds within the Swedish national pension system invests 4% into private equity, while Texas Municipal Retirement System has 5% allocation to PE.

Conclusions

We expect a further diffusion of these investment vehicles, associated with a more central role in global economy. This trend will influence international investments and it is going to set new challenges in terms of transparency of the markets.

 

VERSIONE ITALIANA

I fondi sovrani negli ultimi anni hanno portato a termine importanti operazioni ed il valore combinato delle loro partecipazioni in società e assets supera i 5.000 miliardi di dollari.

Il loro crescente potere economico ha recentemente portato a riflettere riguardo al loro impatto sull’economia globale.

Che cos’è un Fondo Sovrano?

Un fondo sovrano è di proprietà di uno stato e può investire in svariate asset class.

Generalmente questo denaro proviene dal surplus di bilancio di una nazione che invece di accumulare liquidità decide di reinvestirla.

I motivi per cui alcuni paesi hanno creato un fondo sovrano possono essere molteplici. Ad esempio, i paesi produttori di petrolio cercano di proteggere la loro ricchezza fortemente legata alla domanda di “oro nero” diversificando in attività non legate al mondo degli idrocarburi. In altri casi, l’obiettivo di questi fondi è semplicemente quello di generare profitti a beneficio della nazione e dei suoi cittadini.

Storia dei fondi sovrani

Il primo fondo sovrano è stato fondato dal Kuwait nel 1950. Il suo obiettivo principale era quello di diversificare gli introiti derivanti dall’attività petrolifera in cui è tuttora attivo il paese.

Attualmente i fondi sovrani più importanti sono:

  • Abu Dhabi’s Investment Authority (1976)
  • Singapore’s Government Investment Corporation (1981)
  • Norway’s Government Pension Fund(1990)

Commodity vs. Non Commodity funds

I fondi sovrani possono ricadere in due categorie: commodity o non commodity. La differenza riguarda la provenienza del denaro che confluisce nel fondo.

Nel caso dei fondi “commodity”, il denaro proviene dalla vendita di materie prime da parte di un paese. Questi fondi sono cresciuti insieme all’aumentare del prezzo di petrolio e gas e nel loro complesso detengono circa 2.500 miliardi di dollari.

Nel caso dei fondi “non-commodity” il denaro investito è originato da un eccesso di valuta straniera oppure dal surplus della bilancia contabile. Attualmente i fondi “non-commodity” detengono asset per 2000 miliardi di dollari.

In cosa investono i fondi sovrani?

I fondi sovrani sono generalmente investitori di lungo periodo e tendono ad essere piuttosto riservati riguardo le loro partecipazioni che di solito si suddividono tra:

  • titoli di stato
  • azioni
  • Investimenti diretti all’estero
  • Investimenti alternativi, come hedge funds o private equity. Ad esempio, ADIA (Abu Dhabi Investment Authority) detiene dal 2% all’ 8% in Private Equity, Sjunde AP-fonden (AP7) uno dei 5 fondi pensionistici svedesi investe il 4% in Private Equity, mentre il Texas Municipal Retirement System il 5%

Conclusioni

Questi fondi sono destinati a moltiplicarsi e ad assumere un ruolo sempre più centrale nell’economia globale. Questo trend influenzerà sicuramente gli investimenti internazionali e creeranno nuove sfide in termini di gestione della trasparenza delle partecipazioni in società.

Leave a Reply

Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.